HomeAttualitàMaurizio Botti di Piacenza Rinasce "Mai con il centro-sinistra, in caso di...

Maurizio Botti di Piacenza Rinasce “Mai con il centro-sinistra, in caso di ballottaggio”

Mai con il centro-sinistra. E con il centro-destra probabilmente no.

Corre da sola la lista civica “Piacenza Rinasce” ed è molto orientata a farlo fino alla fine, anche in caso di ballottaggio. “Con il centro-sinistra c’è una frattura insanabile-precisa il candidato sindaco Maurizio Botti, 69 anni, medico in pensione (e sospeso)” e non è una posizione ideologica, ma una constatazione riferita a fatti e posizioni del centro sinistra  rispetto al green pass e alla libertà di scelta sul vaccino, in ambito locale e nazionale.”

Per quanto riguarda  un possibile accordo con il centro-destra, resta aperta una possibilità molto esigua, diciamo vicina allo zero “ Se la candidata del centro-destra Patrizia Barbieri affermasse che la libertà di scelta terapeutica è ammissibile e, ad esempio, parlando del futuro della città, rivedesse la sua posizione in merito al nuovo ospedale, quindi fosse disponibile ad un passo indietro rispetto ad un progetto che ci vede contrari, forse in questo caso potremmo valutare un terreno comune, su cui ragionare.”

Dunque  posizione molto chiara, anche se riferita ad un’ipotesi di ballottaggio ancora lontana, ma comunque utile e quanto mai attuale per tracciare la fotografia delle prossime amministrative a Piacenza.

Una corsa in solitaria per arrivare dove?

“Abbiamo un obiettivo ambizioso- precisa Botti parlando a nome della lista che rappresenta- arrivare in consiglio comunale con una buona rappresentanza. E anche se siamo consapevoli che la sfida sarà  difficile, perché ci confrontiamo con dei colossi, siamo confortati da quello che vediamo e sentiamo. In tanti ci hanno detto che se non fossimo scesi in campo non avrebbero saputo per chi votare e anche i dati emersi dal primo sondaggio, quello commissionato dal Pd che vede in vantaggio Katia Tarasconi, evidenziano che  il 21,3% di piacentini ha dichiarato che non andrà a votare, e che il 20,9%  pensa ad un altro candidato rispetto ai tre proposti, Barbieri, Tarasconi, Cugini. Solo un campione, certo, ma comunque credibile quanto ad orientamento generale. Del resto fin dall’inizio abbiamo avuto questa sensazione, di scollamento della politica rispetto alle vere istanze della gente; sia a sinistra che a destra vediamo atteggiamenti autoreferenziali, partiti che si sono avvicendati alla guida della città senza cambiare sostanzialmente nulla. Piacenza oggi appare come una città ferma, a tratti in declino. Se guardiamo solo alla regione Emilia Romagna, vediamo che in altre città simili alla nostra la sferzata di cambiamento è arrivata; a Piacenza no, rimane una staticità che si riverbera su tutti gli aspetti dalla sanità all’economia.

Ecco perché parliamo della necessità di una rinascita, ed ecco perché siamo scesi in campo con l’idea di offrire un punto di riferimento diverso, che nasce dal basso.

Il vostro programma è in via di definizione, la lista anche; ultime limature prima di presentarsi ufficialmente ai piacentini. Cosa vi caratterizza?

“Le persone al centro e il valore della comunità” Botti non ha dubbi “Al di là di quello che sarà il risultato, a noi preme portare avanti questi principi. Piacenza esce dalla pandemia divisa, lacerata. La paura di infettarsi, gli obblighi vaccinali, il green pass, hanno creato contrasti, contrapposizioni, hanno enfatizzato diversi modi di pensare, gli uni contro gli altri. Ci serve ritrovare un senso di comunità forte, base indispensabile per ripartire e far ripartire anche tutta la città.

La lista Piacenza rinasce è nata dal basso, come ricordava lei. Un embrione nato in piazza, durante le manifestazioni contro il green pass e poi sviluppato con una prospettiva più ampia. Non c’è il rischio di essere identificati esclusivamente come no vax?

Si c’é. E infatti stiamo cercando di far passare il messaggio giusto. Non siamo no vax. Tanti tra quelli in lista da noi sono vaccinati. Non siamo contro il vaccino, ma contro l’obbligatorietà. Il tema è questo: la libertà  di scelta, anche e soprattutto quando si tratta di salute, il rispetto per opinioni diverse, il senso di democrazia piena. Nessuna posizione estremista quindi, ma a difesa di una scelta libera e consapevole, questo si.

Come organizzerete la campagna elettorale? Avete sponsor?

La campagna elettorale si svolgerà sui social e in giro tra la gente. Quindi comunicazione in rete e consumo delle suole delle scarpe. Senza risparmiarci.

Stiamo cercando sponsor, ma abbiamo già in mente una campagna senza sprechi, semplice, coerente con i nostri principi di sostenibilità, basata sulle nostre forze e sulla nostra autenticità. Vogliamo contribuire ad una riflessione profonda sulla città, sui margini di sviluppo che restano e su come orientare l’azione amministrativa nei prossimi anni.

Certo servirà un piccolo budget per gli aspetti organizzativi, imprescindibili.

Siete pronti al confronto con le altre forze in campo? Lo temete?

Siamo pronti al confronto, innanzitutto con i cittadini, e ci impegneremo a farlo con lo spirito di ascolto e di partecipazione che, a mio avviso, è mancato in questi ultimi anni a Piacenza. Siamo disponibili anche al confronto con gli altri candidati, ovviamente, consapevoli del fatto che chi fa politica da anni, può avere più competenze rispetto noi in tema di “macchina amministrativa”. Ma questo non ci spaventa. Ci stiamo preparando e soprattutto, se la capacità politica dei nostri avversari è quella tradotta nei fatti in questi anni, non ci sembra temibile, anzi. Pensiamo che anche persone come noi, che hanno svolto altre professioni, peraltro sempre attente a quanto accadeva in città, possano portare un contributo di passione, buon senso e trasparenza che ci farà trovare il nostro posto a servizio della città, con dignità e determinazione.

Mirella Molinari
Mirella Molinarihttps://www.piacenzadiario.it
Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna a Piacenza alla guida di una redazione televisiva e una delle prime telereporter piacentine in grado di realizzare riprese e montaggi video. E proprio nel panorama della tv piacentina ha portato uno stile del tutto nuovo, più spontaneo e vero. E’ sua l’idea di un format di successo, come “Per la strada”: storie di vita vissuta, interviste girate tra le gente, nei bar all’aperto e nei luoghi simbolo della città. Come Direttore del Tg ha coordinato e condotto, oltre a due edizioni di news quotidiane, dirette elettorali, confronti politici, programmi di approfondimento e attualità come “Diario” e “Piacenza Europa”, di cui ha firmato centinaia di puntate. Responsabile anche del sito di Teleducato Piacenza fino al 2014, dal 2015 gestisce e coordina, insieme alla figlia, Laura Parmeggiani, il blog Piacenza Diario. Anche in questo caso, un primo esempio di approfondimento più vicino ai temi della gente, con lo scopo di raccontare storie vere e di raccogliere opinioni e commenti lontani da stereotipi omologati. Laureata in lettere e diplomata in pianoforte , Mirella Molinari è anche insegnante di musica e, sempre per la tv, ha curato programmi di divulgazione culturale/musicale. Tra i più apprezzati: “Scena e retroscena”, dedicato alla stagione lirica piacentina, con interviste, anticipazioni ed esclusivi “dietro le quinte” , ma anche le dirette delle prime del Municipale di Piacenza. Tra le tante, memorabile la 400esima recita di Rigoletto per Leo Nucci, condotta in diretta e in esclusiva da Mirella Molinari, nel 2008, per Teleducato. Ha curato documentari storici tra cui quello dedicato alla congiura farnesiana, in collaborazione con la Banca di Piacenza, “Margherita d’Austria, Duchessa dimenticata” e, ancora per la Banca di Piacenza, due documentari dedicati a restauri in San Sisto e presso la Collegiata di Cortemaggiore. Convinta della necessità di dare spazio ai giovani, ha ospitato in redazione decine di ragazzi, per una prima esperienza giornalistica. Ha coordinato e firmato il primo Tg realizzato da studenti, con il progetto triennale di videogiornalismo scolastico, in collaborazione con il Liceo Artistico Cassinari di Piacenza.
ARTICOLI CONSIGLIATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

Articoli Recenti

Ultimi Commenti