HomeAttualitàCARO ENERGIA, BANCA DI PIACENZA IN AIUTO A FAMIGLIE E IMPRESE. 80...

CARO ENERGIA, BANCA DI PIACENZA IN AIUTO A FAMIGLIE E IMPRESE. 80 MILIONI IN LINEE DI CREDITO

Banca di Piacenza scende nuovamente in campo di fronte al protrarsi delle conseguenze
economiche dovute alla situazione geopolitica, con la crisi russo-ucraina che ha portato a un
forte innalzamento dei costi dell’energia, che sta mettendo in difficoltà l’intero sistema
economico-sociale. E lo fa con un pacchetto di misure a favore di famiglie e imprese clienti
Le prime avranno la possibilità di richiedere una moratoria di 6 mesi (in corrispondenza
dell’inverno, quando il costo delle bollette andrà a incidere pesantemente sul bilancio
famigliare) del pagamento della quota capitale dei mutui chirografari e ipotecari. Facoltà
che può essere esercitata a partire dal 1° ottobre e fino al 31 dicembre di quest’anno.
Per quanto riguarda le imprese di tutti i settori economici, la Banca ha stanziato un plafond
(denominato Raw MaterialCredito-Credito aumento materie prime) di 80 milioni di euro per
la concessione di linee di credito che garantiscano la liquidità necessaria a sostenere le temporanee difficoltà delle stesse a far fronte all’impennata dei prezzi energetici.
Queste ultime misure vanno ad aggiungersi alle tante azioni concrete a sostegno dei territori
di appartenenza messe in atto dal popolare Istituto di credito, a dimostrare che quando serve, la Banca c’è. A maggior ragione in una fase storica nella quale emergenze di diversa natura hanno messo e stanno mettendo in grave difficoltà il sistema economico mondiale, con
inevitabili conseguenze per le economie nazionali e locali.
Per fronteggiare la crisi provocata dalla pandemia, la Banca di Piacenza ha concesso nel
2020 a famiglie e imprese moratorie sui mutui, anticipi cassa integrazione e finanziamenti
liquidità per oltre Smila pratiche e complessivi 400 milioni di euro. Senza contare i
numerosi interventi di aiuto a istituzioni e sodalizi impegnati ad affrontare l’emergenza
sanitaria.
Con questa ulteriore iniziativa, la Banca di Piacenza conferma la propria attenzione nei
confronti del tessuto economico di un territorio che ha la fortuna – che altri non hanno più
di avere una banca locale che raccoglie e semina dove è insediata.

Laura Parmeggiani
Laura Parmeggianihttps://www.piacenzadiario.it
Laura Parmeggiani è giornalista pubblicista e freelance nel settore della comunicazione. Si laurea nel 2015 in Graphic Design, ma è il video ad appassionarla particolarmente: proprio con questo mezzo inizia a raccontare la città sul blog "Piacenza Diario". Ha collaborato con la TV VideoPiacenza - Canale Italia 159, realizzando servizi e approfondimenti per la redazione del notiziario locale. Per alcuni politici locali cura la comunicazione social e tradizionale.
ARTICOLI CONSIGLIATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Recenti

Ultimi Commenti