HomeAttualità"BISOGNA RESTARE IN CASA" LA POLIZIA LOCALE REITERA IL MESSAGGIO CON ALTOPARLANTI...

“BISOGNA RESTARE IN CASA” LA POLIZIA LOCALE REITERA IL MESSAGGIO CON ALTOPARLANTI SULLE VOLANTI

Restare in casa e non uscire, se non per comprovate ragioni di lavoro o per necessità come la spesa alimentare: un messaggio lanciato e ripetuto incessantemente da giorni, invitando tutti i cittadini a collaborare per limitare la diffusione del contagio e non gravare, ulteriormente, sull’intenso lavoro degli operatori che affrontano in prima linea l’emergenza sanitaria.

Anche la Polizia Locale di Piacenza è impegnata già da alcuni giorni in questa attività di sensibilizzazione e verrà ripetuta, attraverso il passaggio regolare di volanti dotate di altoparlanti, per veicolare l’esortazione a rispettare le restrizioni, concentrandosi in particolare nelle zone della città che potrebbero essere, tendenzialmente, più frequentate.

“Per vincere questa battaglia – commentano l’Assessore alla Sicurezza Luca Zandonella e il Comandante Giorgio Benvenuti – occorre la collaborazione e la volontà di tutti. Ognuno di noi deve comprendere che solo con un comportamento responsabile, rimanendo nelle proprie case se non per comprovati motivi di necessità, possiamo contribuire efficacemente a ridurre l’incidenza del contagio. Per questo, anche dagli altoparlanti installati sulle volanti della Polizia Locale, continueremo a diffondere l’invito a non uscire e ad osservare le regole che l’emergenza ci impone, come abbiamo già iniziato a fare da diversi giorni sul Pubblico Passeggio e come ripeteremo attraverso diversi passaggi durante l’arco della giornata, in città e nelle frazioni, contando sulla buona volontà e la collaborazione dei piacentini”.

Mirella Molinari
Mirella Molinarihttps://www.piacenzadiario.it
Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna a Piacenza alla guida di una redazione televisiva e una delle prime telereporter piacentine in grado di realizzare riprese e montaggi video. E proprio nel panorama della tv piacentina ha portato uno stile del tutto nuovo, più spontaneo e vero. E’ sua l’idea di un format di successo, come “Per la strada”: storie di vita vissuta, interviste girate tra le gente, nei bar all’aperto e nei luoghi simbolo della città. Come Direttore del Tg ha coordinato e condotto, oltre a due edizioni di news quotidiane, dirette elettorali, confronti politici, programmi di approfondimento e attualità come “Diario” e “Piacenza Europa”, di cui ha firmato centinaia di puntate. Responsabile anche del sito di Teleducato Piacenza fino al 2014, dal 2015 gestisce e coordina, insieme alla figlia, Laura Parmeggiani, il blog Piacenza Diario. Anche in questo caso, un primo esempio di approfondimento più vicino ai temi della gente, con lo scopo di raccontare storie vere e di raccogliere opinioni e commenti lontani da stereotipi omologati. Laureata in lettere e diplomata in pianoforte , Mirella Molinari è anche insegnante di musica e, sempre per la tv, ha curato programmi di divulgazione culturale/musicale. Tra i più apprezzati: “Scena e retroscena”, dedicato alla stagione lirica piacentina, con interviste, anticipazioni ed esclusivi “dietro le quinte” , ma anche le dirette delle prime del Municipale di Piacenza. Tra le tante, memorabile la 400esima recita di Rigoletto per Leo Nucci, condotta in diretta e in esclusiva da Mirella Molinari, nel 2008, per Teleducato. Ha curato documentari storici tra cui quello dedicato alla congiura farnesiana, in collaborazione con la Banca di Piacenza, “Margherita d’Austria, Duchessa dimenticata” e, ancora per la Banca di Piacenza, due documentari dedicati a restauri in San Sisto e presso la Collegiata di Cortemaggiore. Convinta della necessità di dare spazio ai giovani, ha ospitato in redazione decine di ragazzi, per una prima esperienza giornalistica. Ha coordinato e firmato il primo Tg realizzato da studenti, con il progetto triennale di videogiornalismo scolastico, in collaborazione con il Liceo Artistico Cassinari di Piacenza.
ARTICOLI CONSIGLIATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Recenti

Ultimi Commenti