HomeAttualitàTorna "Musiche Nuove". Nove grandi appuntamenti con la musica d'innovazione

Torna “Musiche Nuove”. Nove grandi appuntamenti con la musica d’innovazione

Prende il via il 12 aprile a Piacenza con il concerto del trio sloveno Širom – una delle band più innovative degli ultimi anni – la dodicesima edizione di Musiche Nuove a Piacenza, la rassegna dedicata ai linguaggi più sofisticati e vitali della musica, organizzata da Associazione Novecento con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con le amministrazioni comunali di Alta Val Tidone e Bobbio.

La rassegna è stata presentata oggi pomeriggio nel Salone d’Onore della Fondazione, durante una conferenza stampa introdotta dal vicepresidente della Fondazione Mario Magnelli, che ha ribadito il convinto sostegno dell’ente di via Sant’Eufemia a un’iniziativa che si distingue dalle origini per la sua capacità di innovazione: «Sempre puntando sulla qualità e senza inseguire il mainstream – ha sottolineato – Musiche Nuove ha saputo con coraggio, di anno in anno, costruirsi e formare un pubblico locale, oltre che intercettare un vasto seguito di appassionati che arrivano a Piacenza anche da molto lontano pur di assistere ai concerti, spesso in data unica nazionale, di grandi artisti internazionali».

A illustrare l’edizione 2024 di Musiche Nuove sono quindi intervenuti il presidente dell’associazione Novecento Camillo Mozzoni, che ha ricordato l’importanza del progetto formativo che accompagna la kermesse fin dalla sua prima edizione sempre in collaborazione con il Conservatorio G. Nicolini, e il direttore artistico Max Marchini che ha illustrato nel dettaglio un ricco cartellone che ad oggi comprende nove appuntamenti che animeranno la città e la provincia da aprile a settembre, tutti a ingresso gratuito.

Si tratta di musica “de-genere” in senso latino, non riconducibile a un unico genere ma dal filo rosso della qualità e che prenderà vita in location conosciute e in altre assolutamente nuove. Dopo il concerto d’esordio dei Širom, che si terrà nell’auditorium della Fondazione di via Sant’Eufemia, sempre in auditorium avranno luogo i due successivi appuntamenti con Craig Fortnam & Friends (24 maggio), debutto internazionale da solista del leader della North Sea Radio Orchestra, e il Boxhead Ensemble, il 9 maggio, unica data italiana per il leggendario ensemble di Phoenix (Arizona) guidato da Michael Krassner.

In luglio e in agosto la rassegna si sposta in alcuni fra i luoghi più suggestivi della provincia, a cominciare dalla Diga del Molato, il 19 luglio, con la “Musica per la notte” di Lino Capra Vaccina. A seguire sarà la volta della rassegna nella rassegna “Waterfalls”: tre giorni di concerti dalle cascate del Perino, dal 9 all’11 agosto, che spazieranno dalla canzone alla commistione tra elettronica e arpa celtica, fino alla musica classica. Il 3 agosto sarà la Piazza del Duomo di Bobbio il teatro dell’atteso ritorno del cantautore inglese Paul Roland, padrino del movimento Steampunk.

La rassegna torna a Piacenza per il concerto di chiusura il 13 settembre, con Seabuckthorn, pseudonimo del chitarrista e compositore britannico Andy Cartwright.

 

IL PROGRAMMA

 

Venerdì 12 aprile 2024, ore 21.15

Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano (via Sant’Eufemia 12, Piacenza)

ŠIROM

L’intreccio di diversi approcci e strumenti musicali, storie di suoni e una sfrenata immaginazione e maestria musicale è il principio guida espansivo del trio Širom, i cui membri provengono dalle regioni della Slovenia: Prekmurje, Tolminsko e Kras.

Nel repertorio di Iztok Koren, Samo Kutin e Ana Kravanja si possono trovare più di una dozzina di strumenti e almeno altrettante forme musicali che possono essere percepite come ispirazione per il carattere di questo nuovo ensemble.

Tuttavia, nella loro pratica così come nell’esperienza, rimangono ancorati al loro processo creativo in una misura che permette loro di evitare di riflettere semplicemente modelli esistenti. Ciò genera una forma espressiva originale e stilisticamente omogenea che oscilla tra un’ampia gamma di suoni folk e meditazioni contemporanee in stile rock acustico. Il risultato finale è un minimalismo radicato, ma ancora mistico.

Ogni membro di Širom si esibisce anche in una miriade di altri gruppi e progetti musicali, come ŠKM banda, Hexenbrutal, Bakalina Velika, Šalter Ensemble e Kalis.

Per la prima volta a Piacenza una delle band più innovative degli ultimi anni la cui musica, in bilico fra libertà, innovazione e tradizione, ha raccolto i plausi della critica internazionale.

 

Venerdì 24 maggio 2024, ore 21.15

Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano (via Sant’Eufemia 12, Piacenza)

Craig Fortnam & Friends

Debutto internazionale per il progetto solista del leader della North Sea Radio Orchestra, l’inglese Craig Fortnam che si avvale di collaboratori prestigiosi quali il violinista Laurent Valero, già membro del sopracitato Ensemble, nonché dell’Orchestra di Radio France. La musica proposta costituisce un ammaliante sincretica unione di ritmi e suggestioni folk celtiche con influenze classiche e orientali, riprendendo strade vertiginose abbozzate da ensemble nobilissimi quali L’Incredible String Band e altri. Si oscilla tra il misticismo e la ritualità sciamanica.

 

Martedì 9 luglio 2024, ore 21.15

Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano (via Sant’Eufemia 12, Piacenza)

Boxhead Ensemble

Unica data italiana per il leggendario ensemble di Phoenix, Arizona: in realtà sotto la sigla Boxhead Ensemble si cela un geniale musicista che da 30 anni firma quelle che, secondo la critica musicale specializzata, sono tra le musiche più innovative del panorama americano. Attorno al genio di Michael Krassner si avvicendano le menti migliori della sua generazione quali Jim O’Rourke, John McEntire e ensemble quali i Tortoise, Califone e i Loftly Pillars.

Compositore di colonne sonore che hanno più volte vinto festival quali il Sundance, la sua musica dipinge deserti metafisici e reali, porti dimenticati, isole della memoria.

 

Venerdì 19 luglio 2024, ore 21.15

Diga del Molato

Lino Capra Vaccina in “Musica per la Notte”

Figura leggendaria del minimalismo italiano, braccio destro di Franco Battiato e Markus Stockhausen, membro fondatore di ensemble mitici quali Aktuala e Telaio Magnetico, poeta dei silenzi e argonauta del suono elettroacustico produce proprio quest’anno un album recensito a 56 stelle in tutto il mondo, Syn-Thesis, nel quale il Maestro torna ai suoni di sintesi analogici portando una antica semantica del Klang verso nuovi orizzonti. In anteprima assoluta presenta nella suggestiva cornice della Diga del Molato il nuovo spettacolo dal titolo “Musica per la Notte”, riprendendo le tematiche di John Keats e portandole nella musica nuova.

 

9, 10 e 11 agosto 2024, ore 21.15

Località Calenzano Fondo, 98 – Bettola (Pc)

“Waterfalls”, tre concerti alle Cascate del Perino

Un luogo incantato per tre concerti che toccano tre generi diversi, dalla canzone alla commistione tra elettronica e arpa celtica alla musica classica con Earthly Powers (John Greave e Annie Barbazza) il 9 agosto, Jason Turk e Ùna Ni Fhlanngain (10 agosto) e Josephine Gajtani (11 agosto). Una piccola rassegna nella rassegna che mira a valorizzare culturalmente uno dei luoghi più suggestivi del territorio, purtroppo spesso sconosciuto perfino ai nostri concittadini.

 

Martedì 13 agosto 2024, ore 21.15

Bobbio, Piazza Duomo

Paul Roland

A grande richiesta un appuntamento ormai tradizionale con il mitico cantautore inglese, definito il padrino del movimento Steampunk. Classiche storie gotiche in musica per uno spettacolo mozzafiato dove il gusto del pubblico incontra i favori della critica più esigente e raffinata.

 

Venerdì 13 settembre, ore 21.15

Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano (via Sant’Eufemia 12, Piacenza)

Seabuckthorn

La traduzione italiana di questo arbusto marino è Olivello spinoso. Ma, in musica, si tratta del nome sotto il quale si cela Andy Cartwright, chitarrista e compositore britannico il cui linguaggio espressivo, impiegando una chitarra dobro con infiniti echi e reverberi, assieme a un contrabbasso, delinea nuovi spazi attingendo una memoria sepolta e condivisa. Una musica dolcissima ma al tempo stesso evocativa e in alcuni momenti, come per l’arbusto, spinosa.

 

Tutti i concerti sono a ingresso gratuito.

 

ARTICOLI CONSIGLIATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Recenti

Ultimi Commenti