#BEAUTYBITES, UNA PIACENTINA A LEZIONE DI TRUCCO DA CHIARA FERRAGNI

Chiara Ferragni, nota influencer e fashion blogger, ha di recente lanciato Beauty Bites, una masterclass dedicata a beauty e make-up, ideata assieme al suo truccatore di fiducia Manuele Mameli.

 

Una prima edizione, che ha registrato un boom di presenze, si è svolta il 9 e e il 10 febbraio al Teatro Vetra di Milano.
Tra professionisti del settore, appassionati e fan, c’era anche la piacentina Chiara Cantù.

Chiara Cantù alla masterclass Beauty Bites

 

Chiara è del settore: makeup artist, specializzatasi alla Make Up Designory di New York New York, dal 2012 ha la sua attività a Piacenza e si occupa in particolare di trucco sposa e di self make-up.
Noi di Piacenza Diario l’abbiamo incontrata per farci raccontare tutto su Beauty Bites di Chiara Ferragni e, perchè no, magari farci svelare qualche tip di bellezza della web star :).

Dal profilo Instahram di Chiara Ferragni

Ciao Chiara, intanto come mai hai deciso di partecipare a Beauty Bites?

Per me è stato una sorta di “corso di aggiornamento”, ed è stata l’occasione per partecipare a un evento che, nel bene e nel male, ha suscitato un certo clamore.

Inoltre da tempo seguo Manuele Mameli, il truccatore di Chiara Ferragni, e lo apprezzo molto.

Condivido pienamente la sua visione, che è stata un po’ anche il filo conduttore dell’evento Beauty Bites: il trucco non deve essere una maschera dietro cui nascondersi, ma un modo per valorizzarci e farci sentire bene.

Personalmente il trucco che preferisco è quello che ci rende semplicemente la miglior versione di noi stesse.
Chiara Cantù

BEAUTY BITES, SUCCESSO E POLEMICHE

Beauty Bites ha riscosso grande successo, con biglietti andati sold out in pochi giorni.
Tante sono state, però, anche le polemiche, in particolare sui prezzi dei ticket ritenuti troppo elevati (biglietto VIP da 650 euro, biglietto Exclusive da 450 e biglietto Regular da 350).

Chiara, che ne pensi dello “scandalo” suscitato dai prezzi del workshop?
Orazio Tomarchio, celebre lookmaker di star come Sophia Loren e Monica Bellucci, lo ha definito addirittura “una truffa”.

 Dunque, io avevo il biglietto Regular da 350 euro, prezzo che mi è sembrato in linea con quello della maggior parte delle masterclass, quindi nulla di nuovo o scandaloso.

Con il mio “biglietto versione povera” – scherza Chiara – ho ricevuto una goodie bag con vari prodotti e gadget e la possibilità di accedere al rinfersco allestito per l’occasione, ma non ho potuto incontrare Chiara Ferragni.

Il meet and greet infatti era riservato ai possessori del biglietto VIP, che personalmente sì, mi sembrava avesse un costo troppo elevato.

Torniamo alla giornata della masterclass: raccontaci dall’inzio com’è andata e che impressione ti ha fatto Chiara Ferragni.

L’evento si è svolto di pomeriggio in due parti, la prima un po’ più tecnica e forse più rivolta a professionisti del settore, dove Manuele ha truccato due modelle spiegando nel dettaglio i vari passaggi; mentre successivamente sono stati realizzati dei tutorial alla portata anche delle meno esperte proprio su Chiara Ferragni.

 

“A pelle” lei mi è sembrata una ragazza molto alla mano.
Era visibilmente emozionata (tanto che ha dovuto leggere i saluti su dei foglietti, ndc) e mi è parsa genuinamente grata per questa esperienza e consapevole delle tante persone che erano lì per lei.

Dopo l’ingresso di Chiara Ferragni , immagino sia stata tanta la curiosità da parte del pubblico!

 Sì, infatti Mentre Manuel realizzava su di lei tre dei suoi “signature looks”, condividendo tecniche e piccoli segreti beauty, entrambi hanno risposto alle domande della platea, mediate da una spigliata e ironica Cristina Fogazzi, alias Estetista Cinica, perfetta guest star dell’evento.

Una piccola partentesi su L’estetista cinica, anche lei ha un notevole seguito online.

 Già…A mio parere l’Estetista Cinica non solo ha creato una delle migliori linee di skin care in commercio, ma ha appunto anche una grande community online che ne apprezza l’ironia pungente. Un altro grande esempio di imprenditoria femminile. 

Che cosa ti ha lasciato l’esperienza Beauty Bites?

Beauty Bites è stata una bellissima esperienza, sia perchè ho imparato tanto (compresi un paio di beauty-tips che metterò sicuramente in pratica) da un make-up artist che stimo ed apprezzo, sia per l’atmosfera che si respirava.
È stato un grande evento, organizzato nei minimi dettagli e con una particolare attenzione all’accettazione di sè e al makeup come mezzo per valorizzare i nostri pregi e stare bene con noi stesse. 

 

Per finire, ci sveleresti qualche tip o trucchetto basico, valido per tutte, che hai appreso? 

Un beauty tip che ho appreso da Manuele è quello di non gettare gli applicatori a spugnetta degli ombretti. In alcuni casi sono migliori dei miliardi di pennelli che, in quanto truccatori, ci “tiriamo dietro”: ad esempio funzionano a meraviglia con gli ombretti più specchiati e metallici, perché depositano il colore in maniera più piena. 

 

 

 

Laura Parmeggiani è una giovane freelance nel settore della comunicazione. Si laurea nel 2015 in Graphic Design con uno spot...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *