SARDINE A FIORENZUOLA. SOSPESO IL PROFESSORE DEL MATTEI CHE HA “MINACCIATO” STUDENTI CHE PARTECIPERANNO ALLA MANIFESTAZIONE

Tra le tante voci sull’episodio che ha già sollecitato anche la presa di posizione del Miur e del Ministro dell’Istruzione che annuncia la sospensione del docente, anche quella indignata dei sindacati, che in una nota stampa congiunta riassumono l’episodio:

“Sono parole che descrivono un clima inaccettabile, concetti che rasentano l’intimidazione e contrari al compito costituzionale previsto per la scuola italiana, che è prioritariamente educare alla partecipazione e al pensiero critico. La valutazione non può essere utilizzata come strumento di intimidazione e di minaccia. Gli studenti non devono rinunciare al loro diritto di esprimere liberamente la loro opinione, così come il docente, nel suo ruolo di educatore, non deve mai prescindere dai suoi obblighi deontologici”. Così, in una nota, i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil di Piacenza insieme ai referenti dei rispettivi sindacati scuola intervengono dopo il “putiferio” scatenato dalle esternazioni di G.T., professore del liceo Mattei di Fiorenzuola che, con toni triviali, ha minacciato di far vedere la sufficienza “con il binocolo” ai suoi studenti se questi avessero partecipato alla manifestazione de “Le sardine di Fiorenzuola”, prevista per domani, domenica 24, in occasione della venuta di Matteo Salvini nella città sulla via Emilia, in provincia di Piacenza. 

«Io sarò presente – ha scritto il “prof” condividendo su Facebook, a ‘mo di minaccia, l’evento delle sardine – Cari studenti, se becco qualcuno di voi, da martedì cambiate aria: nelle mie materie vi renderò la vita un inferno. Vedrete il 6 col binocolo e passerete la prossima estate sui libri. Di idioti in classe non ne voglio. Sardina avvisata…».

“Il problema di fondo – aggiungono le parti sociali – è che parte politica disegna le elezioni del 26 gennaio come un’ultima “battaglia”, una “guerra finale” con un gergo guarrafondaio condito da un linguaggio d’odio. Evitiamo massimalismi, concentriamoci sui problemi che, nel mondo della scuola, non sono pochi e non dipendono certo dalla partecipazione o meno degli studenti a una manifestazione di un movimento pacifico e non violento. Siamo di fronte ad un gesto che il sindacato condanna duramente, e siamo convinti che la scuola e l’amministrazione stiano procedendo secondo quello che è di loro competenza per apllicare gli opportuni provvedimenti

L’autore di tali parole dovrà rispondere – a nostro avviso – in tutte le sedi di quello che ha scritto”.

I segretari generali Cgil, Cisl, Uil

Gianluca Zilocchi, Marina Molinari, Francesco Bighi

I segretari generali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Rua

Giovanni Zavattoni, Paola Votto, Giovanna De Fusco

Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *