Morti per coronavirus, anche Piacenza accoglie le bare di Bergamo

Anche Piacenza si rende disponibile ad aiutare Bergamo: dal cimitero della città lombarda circa sessanta bare vengono trasportate in queste ore in forni crematori di altre regioni, dove ci sono comuni che si sono resi disponibili ad accettarle.

Le bare saranno portate in forni crematori di Modena, Acqui Terme, Domodossola, Parma, Piacenza e diverse altre città che si sono rese disponibili e che sono state ringraziate dal primo cittadino di Bergamo Giorgio Gori che ha scritto ad ogni sindaco una lettera. Una volta eseguita la cremazione, le ceneri saranno riportate a Bergamo e destinate ai luoghi di provenienze dei defunti.

Nello scorso week end la città, al centro dell’emergenza coronavirus, si era trovata anche di fronte alla difficoltà di gestire il numero purtroppo molto alto di defunti, dovendo fare il cimitero di Bergamo da hub per tutta la provincia. Era stato quindi necessario necessità di utilizzare la chiesa o altri locali per stipare le bare. “Il forno crematorio di Bergamo, lavorando a pieno regime, 24 ore su 24, può cremare 25 defunti. È chiaro che non si poteva reggere ai numeri dei giorni scorsi”, viene precisato.

Il sindaco della città ha inviato una lettera ai comuni che si sono resi disponibili, ringraziandoli per la collaborazione e la vicinanza.

Laura Parmeggiani è freelance nel settore della comunicazione. Si laurea nel 2015 in Graphic Design, ma è il video...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *