“Pokeria by Guevet“ piace il cibo hawaiano di Cristina e Alessandro

Una nuova apertura, soprattutto se in via Calzolai, é una notizia. E lo é ancora di più se la saracinesca che si alza é quella di una proposta nuovissima e alimentata dall’entusiasmo di due giovani.

Cristina Castravet e Antonio Alessandro Guerrieri, 23 e 24 anni, dal primo aprile sono attivi con Pokeria by Guevet“. Ispirandosi alla tradizione hawaiana, dopo aver provato come clienti a Milano locali di questo tipo, hanno deciso di provarci a Piacenza: un cibo diverso, un piatto unico, una comoda ciotola da asporto e da consumare ovunque, una vera, interessante alternativa al solito panino. Riso e diversi altri ingredienti diventano così un piatto esotico o tradizionale, ma comunque completo e appagante, con costi contenuti.

Un’offerta che punta su asporto e consegne a domicilio, in linea con un nuovo modo di fare ristorazione. Forse, a breve, Cristina e Alessandro potranno mettere anche sedute all’esterno, senza servizio al tavolo. Per via Calzolai, finalmente, un po’ di colore con questa vetrina allegra e accattivante, una nuova apertura, un segno di vita dopo decine di chiusure. Nei pochi minuti in cui abbiamo realizzato l’intervista in tanti si sono fermati per chiedere informazioni e per salutare con entusiasmo questa nuova attività. Piacenza riparte anche da queste realtà, giovani, e in sintonia con la voglia di ritrovare il piacere del buon cibo, dopo mesi di rinunce e in vista di una ripresa completa del settore. “La crisi della ristorazione non ci spaventa- ci ha detto Cristina- pensiamo che peggio di così non possa andare. E allora proviamo anche noi a seguire l’onda della ripresa” Piacenza, in queste prime settimane, ha già risposto bene. Accanto a tortelli e pisarei, in tanti, a quanto pare, hanno voglia di provare nuovi sapori. E di dare fiducia a chi si sta dando da fare, con nuove idee e con rinnovata voglia di investire.

Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna...

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *