AZIENDA TATANO, DALLA SICILIA A PIACENZA. DUE GENERAZIONI PER UNA STORIA VINCENTE

Radici forti e tanta passione per l’azienda Tatano, energie rinnovabili. Una presenza che a Piacenza non é passata inosservata e che abbiamo deciso di approfondire come storia imprenditoriale e di famiglia.

LA STORIA L’Azienda Tatano nasce nel 1975 in Sicilia, grazie alla tenacia e alla umiltà dei fondatori i fratelli Salvatore, Calogero e  Nazareno. Oggi accanto alla sede storica, che è anche sito di produzione, a Cammarata in provincia di Agrigento, sono attive anche sedi commerciali a Piacenza e Bucharest e 70 punti vendita, distribuiti in 13 paesi nel mondo. Una storia vincente, che dimostra come l’impegno e le competenze portino a risultati eccellenti, nonostante le difficoltà.

Tra i gadget della Tatano, attenta all’ambiente, anche le “matite piantabili”. Contengono semi da piantare dopo l’uso

INNOVAZIONE E SOSTENIBILITA’Accanto a valori come onestà, trasparenza, affidabilità, la Tatano punta su una forte spinta innovativa, tra artigianato e tecnologia, garantendo prodotti all’avanguardia realizzati secondo sistemi innovativi di sostenibilità aziendale.La produzione riguarda caldaie per tutte le tipologie di biomassa seguendo le normative vigenti dei vari Paesi e tenendo conto delle diverse forme di incentivazione. Un’offerta completa di prodotti certificati in classe 5 per il riscaldamento residenziale, commerciale ed industriale.

LA NUOVA GENERAZIONE Un’azienda solida che  oggi guarda al futuro sotto la guida della seconda generazione: tra i  7 figli dei fratelli Tatano, c’é anche Elisa, ingegnere, general manager della filiale di Piacenza. Nell’intervista curata da Giovanni Volpi, direttore de https://www.ilmiogiornale.net/, l’Ing. Elisa Tatano ci spiega qualcosa di più dei valori e delle proposte dell’azienda.

Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *