Una POrta sul Grande Fiume fino al 15 novembre a Palazzo Farnese

Antonella De Nisco protagonista a Piacenza con un progetto d’arte ambientale teso a dare voce al paesaggio e segnare un percorso di riavvicinamento al Grande Fiume, il Po, anche a Piacenza, custode di un’identità ancestrale da riscoprire e valorizzare. Il progetto si inserisce nel percorso de Il Po ricorda- Vivere il confine, proposto da Arti e Pensieri.

Antonellla Giglia, Antonelle De Nisco

Antonellla Giglia, Antonelle De Nisco

Il progetto si articola in quattro punti, accomunati dal tema dello sguardo. Punto di partenza, la veduta di Piacenza dal Poche si trova nel dipinto “La Beata Vergine e Cristo intercedenti” (1603) di G. B. Trotti detto il Malosso, conservato presso la Pinacoteca dei Musei Civici di Palazzo Farnese. Secondo punto di interesse, il “Binocolo”, collocato nel cortile di Palazzo Farnese e, dall’11/09, sulla terrazza del fronte nord del Palazzo.  Un’opera che invita a rivolgere lo sguardo verso le rive del fiume, che in linea d’aria distano poche centinaia di metri, ma che risultano di fatto lontane a causa delle barriere architettoniche, del traffico e, soprattutto, dell’abitudine a non considerare questo spazio naturale come una risorsa reale.

FotoDELPAPA (15)Il terzo punto del percorso individuato da Antonella De Nisco è dislocato alla Porta del Soccorso, situata lungo il tracciato delle mura cinquecentesche e significativamente rivolta verso il Po. Anche in questo caso l’installazione, che si intitola “Periscopio”, rimanda al tema della visione, sottolineandone le valenze storiche, in quanto l’atto di guardare è soggetto ai condizionamenti culturali delle diverse epoche. La tappa finale del processo fisico e ideale di riavvicinamento al fiume è costituita da un’ulteriore installazione collocata tra gli alberi sulla riva del fiume e intitolata “Spiatoio”. Ancora una volta, si tratta di un dispositivo pensato per creare un punto di vista privilegiato sulle acque del Grande Fiume.

Fino al 15 novembre 2016 sarà possibile fruire autonomamente del percorso mediante le mappe in distribuzione presso i Musei di Palazzo Farnese.

porta-retro

 

Visite guidate gratuite saranno inoltre organizzate ogni sabato di settembre e ottobre (programma completo ed orari:www.artiepensieri.com). Sabato 17 settembre, in particolare, sarà dedicato al progetto “POrta” con visita guidata mattutina alla presenza dell’artista e tavola rotonda, alle ore 16.00, su Lungo Po, dedicata al tema del paesaggio fluviale indagato attraverso vari punti di vista: dalla Land Art all’ecologia, sino alla progettazione urbanistica. A seguire, laboratori, bicitour e navigazioni fluviali.

 

Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *