Francesco Bussi, 90 anni dedicati alla musica. Presentato il libro conversazione di Umberto Fava

Dedicato al celebre musicologo piacentino il primo degli eventi collaterali della manifestazione Salita al Pordenone della Banca di Piacenza. 

“Caro maestro Bussi oggi sono tornata indietro di qualche anno, ai tempi in cui seguivo le sue lezioni di Storia della Musica in Conservatorio. Lezioni temute, con lei non si scherzava. Materia complementare solo sulla carta, la sua, rappresentava uno scoglio insormontabile per tanti. Con lei ho imparato ad amare la musica non solo per i suoni e le emozioni che genera, ma anche per quello che esprime e, come linguaggio, per quello che riesce a raccontare lasciando il segno di epoche e movimenti. Oggi nelle sue parole, intrecciate a quelle di Umberto Fava, ho ritrovato la stessa chiarezza, lucidità e passione di tanti anni fa. A 90 anni, non é poco. Chissà, forse quella stessa musica che ha tanto amato e studiato, l’ha aiutata a preservare, immutata, la capacità di raccontarla.

DOVE-Refettorio del Convento dei frati minori di Santa Maria di Campagna di Piacenza(BELLISSIMO!)

QUANDO-Lunedì 5 marzo 2018

COSA– Presentazione del volume “Conversazione con Bussi. Conversazione con Brahms” di Umberto Fava

IO C’ERO E DICO CHE– Lucido, preparato, appassionato.  Il maestro Francesco Bussi é un’eccellenza piacentina e i suoi 90 anni, se lo hanno fiaccato fisicamente, non lo hanno minimamente scalfito dal punto di vista della memoria, della capacità espositiva, delle conoscenze. Tra le tante pubblicazioni, anche 5 volumi dedicati a Brahms. Lo ricorda il libro conversazione di Umberto Fava e oggi, tra un racconto e l’altro, lo hanno ricordato anche i due brani di Brahms eseguiti da due studentesse del Conservatorio Nicolini, Mariella Francia al clarinetto e Keiko Yazawapianoforte.

Un incontro molto interessante, presentato da Robert Gionelli e seguito da un pubblico caloroso

Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *