Fabrizio Dorsi si ricandida alla guida del “Nicolini”

Fabrizio Dorsi, direttore d’orchestra e musicologo, già docente del Conservatorio “Giuseppe Nicolini” dal 1993 e direttore dal 2007 al 2013, si ricandida alla guida dell’Istituto in seguito al pensionamento dell’attuale direttore, Walter Casali.

Dorsi dal 2014 è docente titolare di Esercitazioni orchestrali e incaricato di Direzione d’orchestra al Conservatorio di Milano, dove è stato per due anni delegato alle relazioni internazionali e dove siede ininterrottamente dal 2016 nel Consiglio accademico. È stato inoltre componente del Nucleo di valutazione del Conservatorio di Novara ed è  iscritto all’albo dei Valutatori di sistema Anvur. Affianca pertanto all’esperienza già maturata al timone del “Nicolini” e a una vasta attività direttoriale e musicologica le competenze acquisite sia nel più grande conservatorio italiano, sia nell’ente di certificazione universitario: un curriculum particolarmente adatto a rilanciare l’istituto musicale piacentino dopo la forzata limitazione dell’attività dovuta alla pandemia.

Le candidature alla direzione verranno depositate entro domani, 9 giugno; martedì 22 giugno si terrà la presentazione dei candidati al collegio e dal 5 luglio si svolgerà il primo turno elettorale.

Fabrizio Dorsi è diplomato in Composizione, Direzione d’orchestra, Musica corale e direzione di coro presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano e laureato in Lettere moderne con una tesi in Storia della Musica presso l’Università Cattolica della stessa città. Si è perfezionato in Italia con Vladimir Delman, Franco Ferrara e Piero Bellugi, a Vienna con Karl Österreicher e Julius Kalmar. Nel 1989 ha partecipato come allievo effettivo al Seminario di direzione d’orchestra tenuto da Leonard Bernstein all’Accademia di Santa Cecilia a Roma.

Dopo l’esordio nella stagione lirica 1983-84 dell’E.A. Teatro Comunale di Bologna (quale selezionato fra i direttori partecipanti all’iniziativa “Teatro Studio”), ha proseguito la sua attività sia in ambito operistico, sia in quello sinfonico, venendo invitato a dirigere, fra le altre, le orchestre sinfoniche di Sanremo, di Bari e di Pesaro, la Regionale Toscana, la “Haydn” di Bolzano, l’Angelicum, la “Cantelli” e la “Verdi” di Milano, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, la “Toscanini” di Parma, l’Orchestra Filarmonica Italiana, la “Coccia” di Novara, l’Orchestra “Milano Classica”, l’Orchestra del Teatro di Liberec (Repubblica Ceca), la Filarmonica Nazionale Moldava, la “Sinfonietta” di Losanna (con i solisti di canto dell’Accademia della Scala), nonché diversi prestigiosi ensemble (Orchestra da camera di Mantova, Divertimento Ensemble, Civica Orchestra di Fiati del Comune di Milano, Solisti Aquilani).

Registrazioni di musiche da lui dirette sono state trasmesse in diverse occasioni dalla RAI, mentre tra le sue incisioni si segnalano Il Carnevale degli animali di Saint-Saëns per la rivista “Amadeus”, Pierino e il lupo di Prokof’ev con la voce recitante di Massimo Boldi (anche in DVD) e Tuttifäntchen di Hindemith con l’Orchestra “Verdi” di Milano e la voce recitante di Quirino Principe. Ha diretto (quasi sempre in prima ripresa moderna) e registrato per Bongiovanni diverse importanti partiture operistiche preromantiche: Clotilde di Carlo Coccia (Novara, 2003, regia di Beppe De Tomasi), Il geloso sincerato di Giuseppe Nicolini (Piacenza e Mantova, 2004, regia di Enzo Dara), Don Falcone di Niccolò Jommelli (Sondrio, 2004, di cui ha curato anche la revisione), La finta semplice di Mozart (Piacenza, 2006, prima edizione in DVD comprensiva di recitativi) e L’amor mugnaio, ancora di Giuseppe Nicolini (Piacenza, 2007). Con Arrighetto di Carlo Coccia (inciso su DVD Bongiovanni), nell’allestimento del Rossini Opera Festival, ha inaugurato la stagione lirica 2005-06 del Teatro di Novara. Nel mese di agosto 2007 Dorsi è stato presente, per dirigere un concerto sinfonico, al Rossini Opera Festival, in settembre 2008 ha diretto per MiTo – Settembre Musica, in ottobre 2009 per il Festival Verdi – Parma. Nel mese di maggio 2014 ha diretto al Teatro Municipale di Piacenza, in prima esecuzione assoluta, Schicchi e Puccini di Sergio Monterisi (partitura risultata vincitrice di un concorso internazionale di Composizione indetto dalla Fondazione Teatri) insieme al Gianni Schicchi di Giacomo Puccini. Dal 1997 a oggi ha inoltre tenuto oltre trenta corsi di Direzione d’orchestra, a Todi (PG), Milano, Acqui Terme e Trani.

Ha al suo attivo, oltre a numerose pubblicazioni di carattere specialistico e divulgativo (saggi, recensioni, revisioni di musiche del passato, articoli, voci d’enciclopedia, programmi di sala, questi ultimi redatti anche per il Teatro alla Scala e il Rossini Opera Festival), la prima monografia italiana dedicata al compositore Giacomo Manzoni (Milano, Targa Italiana, 1989) e una Storia dell’opera italiana per i tipi di Bruno Mondadori (Milano, 2000, 2a ed. 2016) scritta insieme a Giuseppe Rausa. Dal 1985 al 1988 ha collaborato con la “Nuova Rivista Musicale Italiana”, dal 1994 al 1997 ha redatto numerose recensioni per la “Rivista Italiana di Musicologia”, dal 1998 al 1999 ha tenuto una rubrica per il mensile “Amadeus”. Di recente pubblicazione il suo manuale Elementi di direzione d’orchestra (Monza, Casa Musicale Eco, 2017).

In ambito conservatoriale, prima di ottenere la titolarità della cattedra di Esercitazioni orchestrali, è stato docente di Cultura musicale generale (Armonia complementare, 1980-81), Storia della musica e storia ed estetica musicale (1983-85, disciplina nella quale ha anche conseguito l’idoneità in concorso per esami e titoli), Storia della musica per didattica (1986-88). Dopo l’immissione in ruolo si è trasferito al Conservatorio “Giuseppe Nicolini” di Piacenza (1993) dove è stato responsabile del dipartimento di Teatro musicale e canto da camera e successivamente componente della Commissione per le riforme che ha elaborato lo statuto del Conservatorio. Membro del Consiglio accademico del sin dalla sua costituzione e in seguito responsabile delle relazioni internazionali e coordinatore Erasmus; nel mese di novembre 2007 è stato eletto per la prima volta direttore e riconfermato nel 2010. Durante questi sei anni è stato componente della Conferenza dei direttori di Conservatorio venendo prima eletto nel Consiglio direttivo e successivamente chiamato a far parte dell’Ufficio di presidenza in qualità di Segretario generale. Ripresa l’attività didattica presso il Conservatorio di Piacenza, durante l’anno accademico 2013-14 vi ha insegnato Esercitazioni orchestrali e Direzione d’orchestra e tenuto il Laboratorio di musica moderna e contemporanea, venendo anche invitato a tenere un seminario presso la Royal Irish Academy of Music di Dublino. Dal 1° novembre 2014 si è trasferito presso il Conservatorio di Milano come docente di Esercitazioni orchestrali, dove attualmente è anche incaricato di Direzione d’orchestra e componente del Consiglio accademico. Nel mese di febbraio 2018 ha tenuto un seminario presso l’University of Georgia di Athens (USA). Da settembre 2015 a settembre 2018 ha fatto parte del Nucleo di valutazione del Conservatorio di Novara. Dal 2 maggio 2018 è iscritto all’albo degli Esperti di sistema Afam presso l’Anvur.

In ambito organizzativo e manageriale ha frequentato il corso di organizzazione e gestione aziendale “I nuovi consulenti italiani” (1989-1990) promosso dall’AICOD (Associazione Italiana Imprese Consulenza Organizzativa e Direzionale). È stato inoltre consigliere di amministrazione della Scuola Civica di Musica di Cernusco sul Naviglio, componente della commissione artistica dell’Accademia Filarmonica Trentina, socio fondatore e per oltre dieci anni membro del consiglio direttivo di Novurgìa, «associazione italiana per l’arte, lo spettacolo, la cultura, oggi» (1994-2004), partner di Consulservice srl, società avente per oggetto l’organizzazione di studi, convegni e manifestazioni nonché l’erogazione di servizi di consulenza in diverse aree aziendali.

Discografia (come direttore d’orchestra):

CD (sinfonica)

  • C. SAINT- SAËNS, Le carnaval des animaux, Amadeus, AM 091-2
  • S. PROKOF’EV, Pierino e il lupo, Mediamax Entertainment (anche in DVD)
  • P. HINDEMITH, Tuttifäntchen, La Bottega Discantica, 176
  • Musiche di G. HOLST, G. ORSOMANDO, A. REED, G. VERDI, Tawa International, CD 45-11
  • Concerto in ricordo di Luigi e Annamaria Danesi, Tawa International, CD 49-11

CD (lirica)

  • C. COCCIA, Clotilde, Bongiovanni, GB 2381/82-2
  • N. JOMMELLI, Don Falcone, Bongiovanni, GB 2417-2
  • G. NICOLINI, L’amor mugnaio, Bongiovanni, GB 2443/44-2
  • G. NICOLINI, Il geloso sincerato, Bongiovanni, GB 2415/16-2

DVD

  • C. COCCIA, Arrighetto, Bongiovanni, AB 20004
  • W. A. MOZART, La finta semplice, Bongiovanni, AB 20008
  • S. PROKOF’EV, Pierino e il lupo, Mediamax Entertainment (anche in CD)

Fra le sue numerose pubblicazioni si elencano di seguito le più significative.

  • Un intermezzo di Niccolò Jommelli: “Don Falcone”, “Nuova Rivista Musicale Italiana”, XIX, 3, luglio-settembre 1985, pagg. 432-457 (articolo citato nella bibliografia della voce “Jommelli” nel New Grove Dictionary of Opera)
  • “Fortuna e sfortune di Domenico Scarlatti”, in Adriano Bassi, Domenico Scarlatti, Ravenna, Edizioni del Girasole, 1985, pagg. 138-143
  • Le seguenti voci per l’Enciclopedia monografica Bompiani (Milano, 1985, vol. XIII): “Avanguardia”, “Coro”, “Direzione d’orchestra”, “Dodecafonia”, “Elettronica, musica”, “Espressionismo”, “Estetica musicale”, “Impressionismo”, “Ives, Charles Edward”, “Jolivet, André”, “Krenek, Ernst”, “Martinu, Bohuslav”, “Messiaen, Olivier”, “Miaskovskij, Nikolaj Jakovlevic”, “Militare, musica”, “Musica”, “Penderecki, Krzystof”, “Ravel, Maurice”, “Sacra, musica”
  • Le seguenti voci per il Dizionario degli autori (Milano, Bompiani, 1987, vol. IV): “Scheibe, Johann Adolph”, “Schein, Johann Hermann”, “Schering, Arnold”, “Schikaneder, Emanuel Johann Joseph Baptist”, “Sonneck, Oscar George Theodore”, “Verazi, Mattia”, “Vogler, Georg Joseph (Abbé Vogler)”, “Wellesz, Egon Joseph”, “Westrup, Sir Jack Allan”, “Wolff, Hellmuth Christian”
  • Giacomo Manzoni, Milano, Targa Italiana, 1989 (testo citato nella bibliografia della voce “Manzoni” nel New Grove Dictionary of Opera)
  • “Le musiche per orchestra”, in AAVV, Giovanni Bottesini virtuoso del contrabbasso e compositore, Milano, Nuove Edizioni, 1989, pagg. 92-94
  • “Niccolò Jommelli a Milano: Lucio Vero, in AAVV, La musica a Milano, in Lombardia e oltre, a cura di Sergio Martinotti, Milano, Vita e Pensiero, 1996, pagg. 163-178
  • “Educazione musicale e base di formazione”, in AAVV, La base di formazione. Tra ciò che non è più e ciò che non è ancora, a cura di Aldo Nardi, Milano, Franco Angeli, 1997, pagg. 164-183
  • “Da Lucio Vero a Vologeso: l’evoluzione stilistica di Niccolò Jommelli”, in AAVV, La musica a Milano, in Lombardia e oltre. Volume secondo, a cura di Sergio Martinotti, Milano, Vita e Pensiero, 2000, pagg. 111-131
  • Storia dell’opera italiana (in collaborazione con Giuseppe Rausa), Milano, Bruno Mondadori, 2000 (2a ed. riveduta in 2 voll., Monza, Casa Musicale Eco, 2016)
  • “Lo studio della partitura: un approccio sincretico-pragmatico”, in AAVV, Storia di una ‘novità’: la direzione d’orchestra al femminile. Atti della Giornata Internazionale di Studi, Firenze, 19 giugno 2003, a cura di Lucia Navarrini Dell’Atti, Firenze, Consiglio regionale della Toscana, pagg. 291-329
  • “La manualistica direttoriale nel Novecento: contributo per una rassegna”, in AAVV, Affetti musicali. Studi in onore di Sergio Martinotti, a cura di Maurizio Padoan, Milano, Vita e Pensiero, 2005, pagg. 399-415
  • “La musica come linguaggio”, in AAVV, La musica nella formazione della persona, a cura di Gateano Oliva, Arona, Xy-it, 2010, pagg. 21-22
  • Elementi di direzione d’orchestra, Monza, Casa Musicale Eco, 2017
  • “Vocalità e cantanti nelle opere di Paolo Rolli: un panorama”, in AAVV, «Dolcissima fassi la musica e la favella». Paolo Rolli poeta per musica europeo, a cura di Giacomo Sciommeri, Atti del convegno storico internazionale Paolo Rolli e la musica (Todi, 20 novembre 2015), Roma, NeoClassica, 2018, pagg. 39-54

Revisioni

  • Niccolò Jommelli, Sinfonia a due violini e basso, Milano, Rugginenti, 1984
  • AAVV, Pagine d’organo del ‘700 italiano, Bergamo, Carrara, 1986 (in collaborazione con Gian Nicola Vessia)
  • Niccolò Jommelli, Don Falcone (comprendente anche proposte di cadenze e di variazioni per i “da capo” delle arie)

Mirella Molinari è una giornalista piacentina. Per 15 anni Direttore del Telegiornale di Teleducato Piacenza, è stata la prima donna...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *